La saga Bitcoin Prime: uno sguardo alla storia di alti e bassi del BTC

Bitcoin ha visto la sua giusta quota di giudizi e di odio, sia da persone che accusano Bitcoin di danneggiare l’ambiente che da paesi che vietano la criptovaluta. Daremo un’occhiata alle fluttuazioni di Bitcoin e come ha sperimentato piccole battute d’arresto e grandi rimonte.

Una lezione di storia

Conosciamo tutti la centrale elettrica che sta scatenando la discussione sul nuovo modo di fare soldi. La criptovaluta è stata inventata nel 2008 da una persona o un gruppo di persone sconosciute con il nome di Satoshi Nakamoto. L’uso della moneta è iniziato nel 2009 quando la sua implementazione è stata rilasciata come software open source.

Fonte: https://www.specficnz.org/it/bitcoin-prime-opinioni-truffa/

I Bitcoin sono creati come ricompensa per un processo noto come mining. Tra le asset class, il bitcoin ha avuto una delle storie di trading più volatili. La prima grande impennata del prezzo della criptovaluta è avvenuta nel 2010, quando il valore di un singolo Bitcoin è passato da una frazione di centesimo a 0,08 dollari. Oggi la stessa moneta vale circa 57.000 dollari. Non molti si aspettavano questa ascesa fulminea.

Gli alti e bassi, il bene e il male

BTC ha vissuto molti alti e bassi negli ultimi anni, più divieti e molte battute d’arresto – ma la criptovaluta è ancora riuscita ad affermarsi nel mercato finanziario internazionale. Bitcoin ha vissuto una grande svolta nel 2017, quando la criptovaluta ha catturato l’attenzione del mainstream. Da allora, molti sviluppi e titoli hanno influenzato il prezzo in qualche modo.

Altre cose come il dimezzamento dei bitcoin hanno anche giocato un forte ruolo nell’aumento dei prezzi. Il prezzo del bitcoin è salito di quasi il 300% dal dimezzamento del maggio 2020. I precedenti eventi di dimezzamento nel 2012 e nel 2016 hanno portato a guadagni di prezzo molto più grandi, rispettivamente dell’8.000% e del 600%. Tra molti altri fattori, il dimezzamento, che raddoppia anche il rapporto stock-to-flow dell’asset, sembra avere un impatto significativo sul prezzo del bitcoin.

Alcuni paesi hanno vietato o tentato di vietare l’estrazione mineraria a causa del suo impatto negativo sull’ambiente. La Cina ha spesso preso la posizione che il crypto-mining è un’industria “estremamente dannosa” che minaccia la ricerca della Cina della neutralità del carbonio, secondo Meng Wei, un portavoce dell’autorità macroeconomica cinese, la National Development and Reform Commission. Dall’altro lato della medaglia, sia New York che El Salvador hanno fatto delle criptovalute e del Bitcoin una priorità assoluta.